venerdì 25 ottobre 2013

Tintin e gli squali del copyright

24 Ottobre 2010, Lionel Dricot
Tintin, il noto giornalista avventuroso dei cartoni animati, è qualcosa che il suo creatore Hergé voleva morisse con lui. In questo pezzo ospitato, Lionel Dricot spiega come un uomo britannico riuscì a schiacciare l'eredità di Hergé e trasformare il tutto in un redditizio sfruttamento che è puramente ostile a tutte ciò che riguarda l'arte, con l'intenzione di non lasciare mai che il cartone animato diventi di pubblico dominio, neppure nel 2053.

In Belgio, Tintin è un'icona. Qualcosa di cui l'intero paese è fiero.
Birre, cioccolatini e Tintin sono i simboli di quel piccolo paese europeo.Tintin è stato creato dal fumettista Hergé, che morì nel 1983 mentre lavorava al 24° album di Tintin, che non fu mai terminato e pubblicato solo come un racconto incompleto nel 2004.Prima di morire, Hergé dichiarò esplicitamente che nessuno avrebbe dovuto continuare Tintin. Voleva che il suo giovane giornalista morisse con lui e, finora, la sua volontà è stata rispettata. I vecchi album vengono regolarmente ristampati e la maggior parte dei belgi hanno letto i 22 album della serie, almeno una volta (il primo in assoluto, Tintin e i Sovietici, è in realtà una strana propaganda anti-comunista degli anni '20 e Hergé non ha voleva che si ripubblicasse). A differenza di altri personaggi dei cartoni animati, Tintin non si sta evolvendo più ma la ricchezza dei 22 album, con il loro corteo di magnifici personaggi, è considerato un lavoro sacro dai cosiddetti Tintinofili.Tutto questo non ha impedito che venisse fatto un business molto redditizio: derivati​​, biscotti e anche un film diretto dallo stesso Steven Spielberg. Ogni volta che una foto di Tintin viene utilizzata da qualche parte nel mondo, la società Moulinsart (precedentemente chiamata Tintin Licensing, che è più esplicito) guadagna un po' di royalties. E indovinate un po'? Sono piuttosto care.La società ha anche costruito un museo da €15.000.000, chiamato il Musée Hergé, costruito nella città di Louvain-la-Neuve dove c'era il club giovanile locale, che si è dovuto distruggere. Durante l'inaugurazione, a nessuno dei giornalisti è stato permesso di prendere qualsiasi immagine per evitare "l'abuso del copyright a causa di lavori esposti". Scontenti, alcuni giornalisti hanno lasciato il museo, che è molto ironico quando si sa che Tintin è un reporter e un simbolo del giornalismo avventuroso. Oggi il museo è visitato principalmente da turisti internazionali ed è abbastanza impopolare tra la gente del posto.Ma che cos'è questa società Moulinsart che fa così tanti soldi? Chi sta diventando follemente ricco grazie allo sfruttamento di Tintin? La risposta è: un uomo britannico di nome Nick Rodwell. Qual è stato il suo contributo a Tintin? In sostanza, ha sposato la vedova di Hergé . Sì, questo è tutto. È riuscito a trasferire tutti i diritti di Tintin alla società che ha fondato con la moglie ed ora sta solo cercando di schiacciare ogni uso di Tintin, dove non ottiene abbastanza royalties. Regolarmente, i piccoli pub tipici del Belgio che utilizzano l'immagine di Tintin sulla loro finestra di fronte (perché è una icona belga, dopo tutto) vengono denunciati o arrestati. Inutile dire che Nick Rodwell è piuttosto impopolare tra Tintinofili.I veri fan aspettano il 2053. 70 anni dopo che Hergé è morto, Tintin diventerà di dominio pubblico. Il simbolo sarà disponibile per chiunque.A meno che ...In una recente intervista, Nick Rodwell ha annunciato che Moulinsart avrebbe fatto tutto il possibile per evitare che Tintin a diventi di dominio pubblico dopo il 2053. Per "proteggerlo". E hanno un'idea: un'altra icona del fumetto belga in Belgio, Spirou, è sempre stato di proprietà di una società (Dupuis) e, come tale, non può diventare di dominio pubblico fino a quando la società produce nuovo lavoro correlato. Nick Rodwell progetta di fare esattamente la stessa cosa con il rilascio di un nuovo album ... nel 2051! Nonostante la volontà di Hergé, loro prevedono di "proteggere il lavoro". Non hanno ancora alcuna idea di quale potrebbe essere la storia.Forse potremmo aiutarli. "Tintin e gli squali del copyright" suona come una storia accattivante. Una storia che potrebbe illustrare come il diritto d'autore protegge "gli artisti", quelli che lavorano così duramente per intrattenerci .PS: Ironia della sorte, oggi (24 ottobre 2013) è stato annunciato nei notiziari belgi che a causa della sua impopularità, il Museo Hergé è attualmente un fallimento economico. Anche se il museo è interamente privato (e qualsiasi beneficio sarebbe andato alla società Moulinsart), Nick Rodwell ha chiesto aiuto finanziario da parte del governo.

Traduzione dal sito Falkvinge:  Tintin And The Copyright Sharks