venerdì 20 settembre 2013

Le violazioni della privacy di Facebook e della NSA: la privacy diventa una leva di vendita

19 Settembre 2013, Rick Falkvinge
Quando le persone vengono osservate, iniziano a controllarsi. Le violazioni della privacy dell'NSA provocano che le persone fuggano da Facebook, ma per andare dove? Di fatto, milioni di utenti stanno abbandonando Facebook.

Questo potrebbe non sembrare molto alla luce del sito che ha circa 1 miliardo di utenti, ma è significativo in termini di un cambiamento di tendenza.

In particolare, circa la metà delle persone che lasciano Facebook citano preoccupazioni sulla privacy per farlo. Questo ci dà qualche di promessa per il futuro. Nel complesso, le rivelazioni di Edward Snowden sono state un punto di svolta con le persone che sono passate dalla rassegnazione alla rabbia. E forse peggio - quelli di noi che sollevavano l'allarme sulla situazione, e che sono stati descritti come gli idioti del villaggio cospirazionisti, è saltato fuori che si stava gravemente sottovalutando la misura di ciò che sta succedendo.

Quando Facebook stava costruendo un nuovo data center per l'Europa, era poco sorprendente che fosse stato scelto un paese dove l'utilizzo di Facebook sarebbe stato intercettato dagli alleati dell'NSA. In questo caso, dal FRA Svedese. Facebook ha scelto la città svedese subartica di Luleå, con una  significativa generazione di energia idroelettrica, per il suo centro dati europeo.

Sulla superficie, il ragionamento sembra impeccabile: il governo svedese ha offerto sussidi molto generosi perché Facebook si stabilisse lì, l'energia era vicina e stabile, e il raffreddamento per i data center arrivava in maniera molto naturale nel clima subartico, soprattutto in inverno. È impossibile criticare questi motivi. Ma allo stesso tempo, ha perfetto senso scegliere una posizione dove praticamente anche tutti i dati dell'utilizzo di Facebook vengono intercettati. Tutto il traffico che lascia ed entra in Svezia è controllato dalla FRA svedese, un alleato dell'NSA. Questo è grave perché comincia a cambiare il comportamento delle persone.

Quando le persone vengono controllate, si comportano in modo diverso. Quando sappiamo che qualcuno sta ascoltando una conversazione, ci tratteniamo. Anche quando non sappiamo se qualcuno stia ascoltando, ci tratteniamo. Infatti, i prigionieri nelle carceri più orribili mostrano esattamente questo comportamento - credono di essere osservati, o che possono essere osservati, in qualsiasi momento.

A tutti gli effetti, ognuno di noi è intercettato. Con l'aiuto della NSA e di aziende come Facebook, stiamo trasformando la società in una società prigione distopica.

Oggi, scelgo il tema di cui parlo in base a quanto sicuro percepisco che sia l'ambiente nel quale comunico. Su una linea telefonica discuto solo gli argomenti più superficiali. E lo stesso vale per quando sono a casa e fuori in una giornata estiva, indossando solo costumi da bagno, sussurrando in condizioni di vento, con la batteria tolta dal mio cellulare e il telefono lontano, abbastanza sicuro. Utilizzando una serie di strumenti di crittografia che non cito qui, mi sento abbastanza sicuro.

Se avessi detto a me stesso adolescente che mi sarei comportato in questo modo, quell'adolescente avrebbe probabilmente creduto che mi fossi trasferito nella Germania Est nel 1980.

Non sono il solo a pensare in questo modo. In Germania, circa la metà delle persone dice che hanno pensato di astenersi o si sono già astenute dal fare telefonate che potrebbero essere usate contro di loro in futuro, memorizzate nel cosiddetto "data retention". Non quello che queste persone hanno detto, solo che la telefonata è solo stata fatta. Evitano di chiamare il numero di assistenza per la dipendenza dalla droga, psicologi, anche  servizi per la consulenza legale matrimoniale: tutto ciò che potrebbe essere usato contro di loro. Questo è un segno di come sta cambiando il comportamento delle persone.

È troppo prematuro dire che le sventure della privacy abbiano ricadute su Facebook. Ma comunque questa è stata una denuncia costante diretta al servizio. Quelli di noi che hanno lavorato nel settore IT per un paio di decenni sanno che c'è solo una cosa che rimane costante: non sono i prodotti e servizi che sembrano invincibili; questi vengono sostituiti da qualcos'altro.

MySpace ha avuto 300 milioni di utenti, Facebook ha 1 miliardo. Ci sono 7 miliardi di persone sul pianeta. Quale servizio useranno i prossimi 6 miliardi - o anche i prossimi 2 miliardi?

È arrogante parlare della scomparsa di Facebook, così come lo è negare la previsione storica che Facebook sarà, a un certo punto, sostituito da qualcos'altro. Anche il CP/M, WordStar, Fortran e Lotus 1-2-3 sembravano assolutamente invincibili ai loro tempi. E che dire di Borland, Corel e ZModem?

Quindi vedremo cosa verrà dopo. Potrebbe ben darsi che l'aspetto che sarà una leva per vendere il prossimo maggior sistema sociale sia la privacy, poiché questo è il proprio punto debole di Facebook. Vedendo come le persone stanno iniziando a chiedere che tipo di privacy, rivoltandosi allo stesso modo contro la NSA e Facebook, è un buon segno in quella direzione. Se è così, tutta la società ne beneficerebbe, magari iniziando ad aprire un po' quelle porte della prigione.

L'articolo in inglese su RT
Facebook and NSA privacy violations: Privacy becomes a selling point