lunedì 30 settembre 2013

La questione non è mai stata "Come essere sicuri che gli artisti vengano pagati". È sempre stata "Come assicuriamo che l'arte venga prodotta e resa disponibile"

28 Settembre 2013, Rick Falkvinge

Il monopolio del copyright non è mai stato destinato a garantire il reddito per un determinato gruppo di persone. Questo è una falsa controargomentazione comune nel dibattito sul monopolio del copyright, anche tra persone che sono d'accordo che l'attuale monopolio è oltre la follia: "ma dobbiamo trovare un modo per garantire che gli artisti siano compensati per il loro lavoro". Questa è semplicemente un'affermazione completamente falsa; l'obiettivo della politica è garantire che l'arte venga creata e resa disponibile al pubblico, e se qualcuno viene pagato è completamente oltre questo punto.

Questo argomento sul ricompensare i creatori d'arte è un modo molto comune di cercare di far deragliare una discussione sul monopolio del copyright. Indipendentemente dalla disonestà intellettuale nel difendere un sistema che impedisce al 99,995% degli artisti di avere una qualsiasi royalty con l'argomento che gli "artisti devono essere pagati" e poi ruba la maggior parte del resto del denaro dallo 0,005% degli artisti, è ancora un argomento ricorrente. Il problema è che è assolutamente falso e che è un diversivo; ricompensare gli artisti monetariamente non è mai stato un obiettivo del monopolio del copyright.
Come ho scritto precedentemente, nessuno ha un diritto acquisito ad alcun indennizzo per il solo fatto di aver fatto una qualsiasi quantità di lavoro, sia che sia minuscola che infinita. L'unica cosa che dà diritto a un imprenditore – artisti inclusi – a qualsiasi tipo di compensazione è una vendita.
Quando non viene venduto niente, questo è un problema per un artista? Senza dubbio lo è. A volte anche tragico. Ma questo lo rende un problema per il mondo intero? Ci sono tre risposte a questa domanda: No, no e no, in questo ordine.

Nessun mercato ha mai avuto leggi speciali, che garantissero il proprio reddito, soprattutto non contro il progresso della tecnologia. Quando le case vennero fornite di elettricità nel 1920 e la più grande industria nella maggior parte delle città europee e americane è morta in pochi anni – l'industria della produzione del ghiaccio – nessuno ha chiesto una tassa sui frigoriferi, nonostante molte tragedie personali.

Tornando al caso specifico del monopolio del copyright, la costituzione degli Stati Uniti è positivamente cristallina nel giustificare l'esistenza del monopolio del copyright:
... per promuovere il progresso della scienza e delle arti utili...
Vedete qualcosa sul garantire il reddito per qualsiasi gruppo particolare nella società? No? Questo perché non c'è. Non è mai stato un obiettivo.

Il monopolio del copyright è un equilibrio tra due interessi concorrenti: l'interesse del pubblico nel fare in modo che venga prodotta nuova cultura e conoscenza, e lo stesso interesse pubblico nell'avere accesso alla cultura e alla conoscenza. Il pubblico è l'unico soggetto interessato nel costrutto del monopolio del copyright. L'unico soggetto interessato. Il reddito o non-reddito di qualcuno non ne è un fattore.

Così i problemi che deve essere risolto sono due: come siamo sicuri che venga creata nuova cultura, e come facciamo in modo che questa cultura sia disponibile per il grande pubblico. Come qualcuno viene compensato non è problema di discussione.

(A questo punto, molte persone sostengono che nessuna prodotto culturale verrebbe creato se le persone non sono compensate per farlo. Tale affermazione è palesemente falsa, come dimostrato da autori di successo come Cory Doctorow, i cui libri sono liberi di essere copiati. Come lo sono i miei. Una volta che ti rendi conto che gli autori di successo guadagnano soldi anche con copia rampante, potrete rilassarvi dall'atteggiamento nevrotico "ogni copia deve essere controllata". Ma anche se non l'hanno fatto, non sarebbe ancora un argomento a rinunciare alla libertà di parola, alla stampa, all'assemblaggio ed all'espressione on-line).

L'articolo sul sito di Falkvinge
The Question Was Never "How Do We Make Sure Artists Are Paid". It Was Always "How Do We Ensure Art Is Made And Available".