domenica 23 giugno 2013

La fondazione Bitcoin riceve una diffida dallo stato della California

23 giugno 2013
[Avvertimento: l'autore Jon Matonis, fa parte del Consiglio di Amministrazione della Bitcoin Foundation.]

Subito dopo l'evento Bitcoin 2013, la conferenza del mese scorso a San Jose in California che ha portato discrete entrate allo stato, il Dipartimento di istituzioni finanziarie della California ha deciso di emettere una diffida a Bitcoin Foundation, organizzatore della conferenza con l'accusa di impegnarsi in attività di trasferimento di denaro senza licenza o autorizzazione.

Se ritenuto in violazione della Legge Finanziaria della California, le sanzioni possono essere gravi e vanno da $1000 a $ 2500 per violazione al giorno più procedimenti penali che potrebbe comportare multe e/o a detenzione. Inoltre,è un reato che viola la legge federale di impegnarsi in attività di trasferimento di denaro senza la licenza di stato appropriato o la mancata registrazione presso il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. Le condanne ai sensi dello Statuto Federale sono punibili con un massimo di 5 anni di carcere e una multa di 250.000 dollari.

La Fondazione Bitcoin è una società senza scopo di lucro registrata a Washington, DC con indirizzo postale a Seattle, WA. Come associazione un senza scopo di lucro, la sua missione è quella di standardizzare e promuovere il protocollo Bitcoin open source e ricevono un generoso sostegno da privati ​​e aziende per far avanzare tali obiettivi. La fondazione vanta anche degli importanti membri internazionali.

Una attività nella quale la Fondazione non è coinvolta è quella di possedere, controllare, o di realizzare l'attività di trasferimento di denaro. Inoltre, tale attività sarebbe anche contro lo statuto originale della fondazione. Come consigliere generale per la Fondazione Bitcoin, Patrick Murck ha la responsabilità di condurre i rapporti con le il Dipartiomento delle Istituzioni Finanziarie della California.

In questa fase, è difficile dire se si sia stato o meno un atto generalizzato e se altre entità collegate con bitcoin abbiano ricevuto lettere di diffida dallo stato della California. Se Bitcoin Foundation non è stata l'unica destinataria, quindi aspettatevi altre società farsi avanti nei giorni e nelle settimane a venire.

La lettera è stata firmata e rilasciata dal consigliere senior Paul T. Crayton dello Stato della California e la lettera è stata inviata in conoscenza al vice commissario Robert Venchiarutti del Dipartimento delle istituzioni finanziarie, che fa anche parte del Consiglio di Amministrazione dell'Associazione dei Regolatori dei Trasferimenti di Denaro, ironicamente  organizzazione nazionale senza scopo di lucro dedicata alla efficiente ed efficace regolamentazione del settore del trasferimento di denaro.

Recentemente, anche lo Stato dell'Illinois ha emesso una lettera di diffida a Square che processa pagamenti su mobile per non avere il corretto rilascio di licenza in conformità con i trasferimenti della legge di stato sui trasferimenti di denaro. Il fornitore di carte prepagate NetSpend e altre sei società di pagamenti hanno anche ricevuto dall'Illinois ordini di diffida. Se questa pratica cresce tra gli Stati, potrebbe avere un potenzialmente significativo "effetto raggelante" sull'innovazione dei servizi finanziari, in particolare sulle imprese legali che stanno progettando infrastrutture per sostenere e far crescere la tecnologia di Bitcoin. La libertà di scelta delle valute è probabilmente la più importante questione sulla libertà di espressione del nostro tempo.

Per ragioni simili, ma non del tutto estranee, la Electronic Frontier Foundation e diverse associazioni di scuole di diritto hanno stabilito l'archivio collaborativo Chilling Effects Clearinghouse nel 2001 per proteggere le attività online lecite dalle molestie di minacce legali relative alla proprietà intellettuale.

Riferendosi di nuovo alla saga di FaceCash e Aaron Greenspan, questa nuova azione di vasta portata dal regolatore finanziario della California a quanto pare ora se la prende con le organizzazioni scientifiche ed educative senza scopo di lucro. La California, culla di innovazione tecnologica e sede della comunità  Silicon Valley di ispirati venture capital, sta ora concentrando la sua attenzione sul futuristico Bitcoin.

La diffida è disponibile nell''articolo su Forbes in inglese:
Bitcoin Foundation Receives Cease And Desist Order From California