mercoledì 15 maggio 2013

brokep si candida alle europee nel Partito Pirata

brokep, nickname con il quale è conosciuto Peter Sunde dai tempi di The Pirate Bay di cui ne è stato co-fondatore e per questo condannato a una multa di quasi 3 milioni di euro e un anno di carcere (che deve ancora scontare), si candiderà alle elezioni Europee del 2014.
Naturalmente nel Partito Pirata. O meglio non proprio naturalmente, perché nonostante l'esistenza del Partito Pirata sia indissolubilmente legata alle vicende di The Pirate Bay, brokep si era tenuto lontano dalla politica, e più che il Partito Pirata diceva di mostrare simpatia per il partito dei verdi, ma fortunatamente sembrerebbe aver cambiato idea: "Anche se io non sono un politico, o forse proprio per questo, penso che le mie esperienze e conoscenze potrebbero contribuire a creare le soluzioni delle quali abbiamo un disperato bisogno" ha dichiarato a torrentfreak.
E si candida nel Partito Pirata finlandese, essendo di origini finlandesi, anche se è nato e cresciuto in Svezia e in Svezia è stato creato The Pirate Bay ed è nato il primo Partito Pirata. Una ulteriore prova che i Partiti Pirati sono nazionali solo perché attualmente il sistema funziona (ancora) così.
E' una buona notizia per il Partito Pirata, che mostra anche come il movimento che ovviamente naviga in acque tempestose per definizione, sia in continua maturazione.
Ed è una buona notizia anche per brokep, perché ciò che lui ha fatto e per il quale è stato condannato un giorno speriamo non troppo lontano verrà riconosciuto non più come un reato, ma per quello che è veramente stato: un'impresa capace di rompere gli schemi e contribuendo a rendere il mondo un posto migliore.